CELENZA SUL TRIGNO: CENNI STORICI:


Il territorio di Celenza si estende, per 22,60 km., su una dorsale collinare profondamente incisa dal corso dei torrenti Vecchio e Caccavone, alla sinistra della media valle del fiume Trigno.

Il centro abitato, situato su uno sprone a nord della confluenza del fiume Monnola, gode di un suggestivo panorama per gli spettacolari scorci sulla Maiella, sul Matese, sulle colline degradanti verso l'Adriatico.

Il toponimo, omofono con la pugliese Celenza, anche se in connessione con il latino caelum, (con la forma sincopata cael, osco kaila, tempio, edicola), resta oscuro.

Il ritrovamento di reperti archeologici appartenenti al periodo romano potrebbe testimoniare che il territorio, sin dai tempi antichi, ha ospitato un insediamento abitativo, che avuto, poi, nei secoli altomedievali una documentabile continuità rilevabile anche dai toponimi Torre della Fara e La Fara, ai piedi del colle Macchia Rotonda, che denuncerebbero una sicura presenza longobarda.

La più antica menzione del paese risale all'anno 1309, ricordata come Celentia, e ancora nell'anno 1328 come Celencia. Nel 1451, Celenza è compresa nella baronia di Monteferrante, posseduta, per investitura di re Alfonso V d'Aragona, da Marino Caracciolo di Santo Buono, al quale successero i figli Tiberio, Ettore, Galeazzo e Sergiovanni.

Successivamente appartenne ai d'Avalos, dei duchi di Guglionesi; ai Pignatelli e di nuovo ai Caracciolo fino all'abolizione della feudalità.

Del suo passato conserva tracce nella tomba seicentesca dei principi d'Avalos-Pignatelli posta nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta; e nella superba torre di avvistamento lungo il fiume Trigno, la Torre della Fara, così chiamata perché situata nella omonima contrada.

Al plebiscito del 1860 per l'annessione al regno d'Italia, su 500 iscritti, votarono soltanto 178 elettori: 176 si espressero a favore, 2 si dichiararono contrari.

Al referendum istituzionale del 1946, i voti per la repubblica furono 122, 749 quelli per la monarchia; i voti non validi 37; 25 le schede bianche.

Recentemente il Comune è stato insignito della Medaglia d'argento al merito civile per atti di abnegazione durante il secondo conflitto mondiale.

Nel 1997 è stato definito il gemellaggio con la cittadina tedesca di Magstadt.

 

ELENCO DEI SINDACI DAL 1809

N. SILLA Sindaco (1809 - 1810)

 

FRANCESCO CIERI Sindaco (gennaio 1810)

 

NAZARIO D'ONOFRIO in veci di Sindaco (aprile 1810)

 

GIUSEPPE DE LIPPIS Sindaco

(1810 – 1811)

 

P. AQUILANO Sindaco (maggio 1812)

 

GIUSEPPE COCCI Sindaco (gennaio 1812)

 

ROMUALDO ANGELUCCI Sindaco

(1812 - 1813)

 

FRANCESCO FELICE in veci di Sindaco (1813 - 1814)

 

CORRADINO CIERI Sindaco (1814 - 1816)

 

ROMUALDO ANGELUCCI Sindaco

(1816 - 1819)

 

GIUSEPPE COCCI Sindaco (1819 - 1820)

 

TOMMASO DE ALOYSIO Sindaco

(1820 - 1822)

 

FRANCESCO FELICE Sindaco (1822 - 1825)

 

ISIDORO COCCI Sindaco (1825 - 1826)

 

FRANCESO DI GENNARO AQUILANO Sindaco (1826 - 1827)

 

ADAMO CIERI Sindaco (1827 - 1830)

 

GIUSTINO CICCORELLI Sindaco

(1830 - 1832)

 

TOMMASO DE ALOYSIO Sindaco

(1832 - 1834)

 

SALVATORE LIPPIS Sindaco (1834 - 1837)

 

NICOLA DE LIPPIS Sindaco (1837 - 1840)

 

RAFFAELE QUINZII Sindaco (1840 - 1843)

 

GAETANO ANGELUCCI Sindaco

(1843 - 1846)

 

ANGELO MICHELE CIERI Sindaco

(1846 - 1849)

 

MICHELANGELO SILLA in veci di Sindaco (1849 - 1850)

 

FRANCESCO DE LIPPIS Sindaco (1850 - 1852)

 

RAFFAELE QUINZII Sindaco (1852 - 1856)

 

DOMENICANTONO FELICE in veci di Sindaco (1856 - 1857)

 

CARLO VESPASIANO Sindaco (1857 - 1858)

 

DONATO DE ALOYSIO Sindaco

(1858 - 1861)

 

DOMENICO AQUILANO Sindaco

(1861 - 1864)

 

FRANCESCO DEL MONACO Sindaco

(1864 - 1867)

 

DOMENICANTONIO VILLAMAGNA in veci di Sindaco (luglio 1877)

 

DOMENICANTONIO VILLAMAGNA Sindaco (1868 - 1877)

 

GIUSEPPE PIZZI in veci di Sindaco

(luglio 1887)

 

CORRADINO CIERI Sindaco (1877 - 1883)

 

GENNARO QUINZII in veci di Sindaco (1883 - 1884)

 

SALVATORE SILLA in veci di Sindaco

(1884 - 1885)

Sindaco 1885 - 1887

GIUSEPPE CIERI Sindaco (1897 -1898)

 

LUIGI BALSAMO Regio commissario

(1898 - 1899)

 

GIUSEPPE CIERI Sindaco (1899 - 1900)

 

GENNARO QUINZII Sindaco (1900 - 1902)

 

GIUSEPPE DE ALOYSIO Sindaco

(1902 - 1905)

GIUSEPPE QUINZII Sindaco (1905 - 1914)

ADOLFO DE  ALOYSIO Sindaco

(1914 - 1919)

 

VINCENZO CALUORI in veci di Sindaco (1919 - 1920)

NICOLA CIERI Sindaco (1920 - 1926)

GIUSEPPE M. DE ALOYSIO Podestà

(1926 - 1935)

MARIO TINO Commissario Prefettizio (giugno 1935)

 

GIUSEPPE FRANCESCHELLI Commissario Prefettizio (agosto 1935)

(1935 / 1936)

(1936 - 1938)

ACHILLE CIERI

Commissario. Prefettizio (settembre 1935)

(1941 - 1942)

NICOLA CIERI Commissario. Prefettizio (febbraio - novembre 1936)

NICOLA AQUILANO Commissario Prefettizio (1938 - 1939)

ITALO QUINZII Podestà (1939 - 1940)

NICOLA CASTELLI Commissario Prefettizio (1940 - 1941)

ALFREDO MINNITI Commissario Prefettizio (1942 - 1944)

ITALO QUINZII Sindaco (1944 - 1946)

VINCENZO DI PARDO Sindaco

(1946 - 1948)

LUCIO QUINTINO DESIATA Sindaco

(1948 - 1949)

ELIO DE ALOYSIO Sindaco (1949 - 1960)

LUIGI QUINZII Sindaco (1960 - 1965)

ARMANDO FELICE Sindaco (1965 - 1970)

PIETRO TAMBURRO Sindaco (1970 - 1973)

REMO DONATO CIERI Sindaco

(settembre 1974 - 1983)

GIUSEPPE GIOVANNI AQUILANO

in veci di Sindaco (ottobre 1983)

FIRMINO SPALLETTA Sindaco (1983 - 1995)

DOMENICANGELO LITTERIO Sindaco

(1995 - 1997)

GIOVANNI INCURVATI Commissario Prefettizio (agosto - novembre 1997)

RODRIGO CIERI Sindaco (1997 - 2007)

ANDREA VENOSINI  Sindaco

(2007- GENNAIO 2016)

 

LUCIANO CONTI: Commissario Straordinario dal 20/01/2016

WALTER DI LAUDO Sindaco dal 05/06/2016

 

 

 


Attachments:
FileDimensione FileData Caricamento
Download this file (Salvatore SILLA.jpg)Salvatore SILLA.jpg46 kB05-11-2018 07:31
Download this file (sindaci.rar)FOTO SINDACI822 kB05-11-2018 07:37